“Quali sono i campanelli d’allarme da non sottovalutare che potrebbero nascondere un possibile DISTURBO DEL LINGUAGGIO?”
.
“Ecco alcuni elementi a cui prestare attenzione e da tenere monitorati;
il bambino, talvolta fin dalla tenera età:
– non segue con lo sguardo gli stimoli esterni;
– non presta attenzione ai rumori ambientali ed esterni;
– non comprende ciò che gli viene detto tramite semplici richieste (es. ” Prendi…”, “Dammi….”, “Guarda”);
– non é comunicativo né tramite linguaggio verbale, attraverso anche semplici vocalizzi, né tramite la comunicazione gestuale, dalla semplice indicazione al dare o mostrare qualcosa.
.
Altri fattori che potrebbero essere indicativi di un ritardo nello sviluppo linguistico sono:
– un vocabolario inferiore alle 50 parole intorno ai 24 mesi;
– l’assenza di combinazione di due o più parole intorno ai 24 – 30 mesi;
– un quadro fonetico, ovvero l’insieme dei suoni che il bambino possiede, incompleto o talmente alterato da compromettere la comprensione della sua espressione verbale, intorno ai 36 mesi.”